Cascina Roccalini

Vini veri da una piccola cantina delle Langhe: il giovane artigiano del Barbaresco

La bella avventura vinicola della Cascina Roccalini comincia nel 2004, quando Paolo Veglio, giovane ed esperto vignaiolo, comincia a vinificare in proprio con l’aiuto dell’enologo Dante Scaglione. Oggi Paolo produce poco più di 10.000 bottiglie l’anno: una produzione piccola e artigianale fedele a uno stile personale e molto tradizionale.

Paolo Veglio conduce la Cascina Roccalini assieme alla madre Luciana e coltiva i vigneti di famiglia da quando aveva 14 anni. Dal 1993 le sue uve venivano conferite al celebre produttore Bruno Giacosa, che considerava le uve del cru Roccalini tra le migliori di tutto il territorio del Barbaresco. Paolo coltiva i suoi appezzamenti senza uso di diserbanti o prodotti di sintesi, con l’obiettivo di preservare la salute delle piante e l’eccellenza dell’uva.

Nella piccola e graziosa cantina di Cascina Roccalini trova posto qualche vasca d’acciaio e tre grandi botti di rovere, dove riposa il Barbaresco, gioiello della piccola produzione. I vini di casa Roccalini rispecchiano fedelmente il territorio da cui provengono e sono caratterizzato da uno stampo genuino e tradizionale: complessi e profondi, si distinguono nel panorama delle Langhe come vini rossi succosi e slanciati, puliti e minerali, ad alta bevibilità. 

Informazioni

Regione
Vini principali
Barbaresco, Nebbiolo, Dolcetto, Barbera
Anno fondazione
2004
Ettari vitati
4.7
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
20.000 bt
Enologo
Paolo Veglio
Indirizzo
Località Roccalini, 12 - 12050 Barbaresco (CN)

"Il verace vignaiolo langarolo, quello che lavora le proprie vigne in prima persona e vinifica le uve senza aiuto di consulenti esterni, è una specie sempre più in via di estinzione, ormai quasi completamente soppiantato dall'imprenditore agricolo. Qui troviamo uno degli ultimi esemplari di questa affascinante specie"

Guida Slowine 2020

I vini della Cascina Roccalini