Ruinart

Ruinart: l'arte dello champagne dal 1729

Ruinart è uno dei nomi più importanti all'interno della galassia dello Champagne, un vero e proprio simbolo della regione più rinomata al mondo per la produzione di grandi bollicine. La storia di Ruinart inizia quando il monaco benedettino Dom Thierry Ruinart (1657-1709) si accorge dell'alto gradimento riscosso dai vini della propria regione in tutte le zone d'Europa ed inizia a collaborare con Dom Perignon da cui apprende i segreti del metodo champenoise. Sarà suo nipote Nicolas nel 1729 a fondare la Maison Ruinart, la più antica casa produttrice di Champagne. I secoli passano e le generazioni si succedono: così il nome Ruinart entra nella leggenda dei grandi Champagne, simbolo di gioia ed esclusività, prestigio e spensieratezza.

Soltanto le grandi bollicine possiedono questi caratteri e riescono a rendere davvero indimenticabile un'occasione. E, sotto ogni profilo, le bottiglie di Ruinart non deludono mai le aspettative. Punto di forza della cantina è sicuramente il vitigno Chardonnay, anima stessa di Ruinart. Le sue uve, provenienti soprattutto dalla Côte des Blancs e dalla Montagne de Reims, sono il fulcro di tutte le sue cuvée: dotato di una grande freschezza aromatica, vivace, puro e luminoso, rappresenta il filo conduttore di tutti gli assemblaggi realizzati dalla casa.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Champagne
Anno di fondazione
1729
Indirizzo
4 Rue des Crayères, 51200 - Reims
Gli champagne di Ruinart