Benito Ferrara

Vini autentici ed espressivi da una cantina diventata simbolo del Greco di Tufo

La cantina di Benito Ferrara è oggi guidata da Gabriella Ferrara, che rappresenta ormai la quarta generazione di una famiglia che “ha fatto” l’unità d’Italia: era il 1860 quando Benito iniziò a cimentarsi con Coda di Volpe e Greco di Tufo. Oggi l’eredità di questa tradizione è stata raccolta dal “Vigna Cicogna”, che sicuramente rappresenta un vino intenso ed autorevole nel gusto, che si apre lentamente verso sapori chiari e leggibili. Quando Gabriella ha ereditato l’attività, nel 1994, la cantina possedeva solo 2,5 ettari. Negli anni si è però deciso di investire nella cantina, apportando migliorie tecnologiche e acquistando nuovi terreni. Ad oggi, gli ettari di vigneto dell’azienda sono 6 coltivati a Tufo e 4 ad Aglianico, nel comune di Montemiletto.

Qui i terreni godono di una posizione ideale, tra i 450 e 600 metri sul livello del mare, con una esposizione a mezzogiorno, una giacitura collinare ed una tessitura di medio impasto. Tutto questo permette alle etichette prodotte da Gabriella di avere una fortissima connotazione territoriale, che ha permesso loro di ritagliarsi un posto nel mercato nazionale e internazionale mantenendo il netto profilo della terra a cui appartengono.

Informazioni

Regione
Vini principali
Greco di Tufo, Fiano
Anno fondazione
1991
Ettari vitati
105
Uve di proprietà
95%
Produzione annua
55.000 bt
Enologo
Paolo Caciorgna
Indirizzo
Frazione San Paolo, 14/A - Tufo (AV)
I vini di Benito Ferrara