Luigi Tecce

Un artista del vino in Irpinia: grande interprete del Taurasi

La cantina di Luigi Tecce si trova in contrada Trinità a Paternopoli, nella zona DOCG del Taurasi. Luigi rappresenta la quarta generazione di una famiglia di viticoltori, ma non segue subito la tradizione familiare ed inizia la carriera di fantino; non per nulla dedica l’Aglianico imbottigliato nel 2001 a Varenne, il grande trottatore, che in quell’anno ha conseguito i suoi massimi trionfi. La morte del padre, avvenuta nel 1997, obbliga Luigi a lasciare i cavalli e a ritornare alla sua terra per coltivare poco più di un ettaro di vigna impiantato con ceppi molto vecchi, che risalgono al 1930.

Oggi i vecchi vigneti di famiglia sono frazionati in piccoli appezzamenti a Paternopoli, uno dei territori del Taurasi più espressivi, non solo grazie all’altitudine compresa tra i 500 e i 600 metri, ma anche in virtù dell’esposizione a sud, che permette un’ottima maturazione delle uve.

Luigi è un personaggio notevolissimo, che ama essere controcorrente, non si rivolge ad un enologo in pianta stabile, ma accetta solo i consigli dell’amico Vincenzo Mercurio. La sua vendemmia dura sempre molto più di quella degli altri viticoltori della zona, poiché raccoglie i grappoli uno ad uno, man mano che giungono ad una maturazione perfetta. I suoi due vini, l’Aglianico “Satyricon” e il Taurasi “Poliphemo”,prodotti in meno di 500 confezioni, sono due perle che brillano di luce intensissima nel panorama dei vini dell’Irpinia, e nei loro nomi racchiudono l'anima poetica e letteraria di Luigi.

Informazioni

Regione
Vini principali
Taurasi, Aglianico
Anno fondazione
1997
Ettari vitati
5
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
25.000 bt
Enologo
Vincenzo Mercurio
Indirizzo
Contrada Trinità - 83052 Paternopoli (AV)
I vini di Luigi Tecce