Coffele

Dalla culla del Soave, una cantina classica nello stile, ma moderna nella tecnica

Nel 1971 Giuseppe Coffele sposa Giovanna Visco, proveniente da una famiglia di viticolotori, produttori di vini sin dalla metà del 1800. I due giovani fondano la cantina Coffele, oggi gestita dai suoi due figli: Chiara si occupa prevalentemente dell'aspetto logistico, amministrativo e relazionale dell'Azienda, mentre Alberto si occupa direttamente della vigna e della cantina. La sede sociale si trova nel centro di Soave, vicino al castello. E' importante notare che la famiglia Coffele, prima fra i produttori della zona, è ritornata al tradizionale sistema di appassimento delle uve su reti verticali e ha appositamente costruito la nuova "fruttaia" sul crinale della collina.

Questa "Sala sulle sponde" è un vero gioiello di tecnologia informatica: infatti un sistema computerizzato controlla apertura e chiusura delle finestre, risparmiando così il condizionamento e quindi energia. La vigna si trova a Castelcerino ed è un unico appezzamento rivolto a Sud, fra 1200 e i 350 metri s.l.m., ma la curiosità della famiglia per le uve a bacca rossa ha spinto i Coffele ad impiantare Merlot, Cabernet Franc e Sauvignon.

L'azienda si arricchisce ben presto di una nuova vigna in località Campiano dalle cui viti produce i classici Amarone e Valpolicella. Molte sono le varietà di vini prodotti: ma è con il Recioto dolce, che prende il nome dalla nuova fruttaia “Le Sponde”, che la Cantina Coffele tocca il top della qualità.

Informazioni

Regione
Vini principali
Soave, recioto
Anno fondazione
1971
Ettari vitati
27
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
120.000 bt
Enologo
Alberto Coffele
Indirizzo
Via Roma, 5 37038 Soave
I vini di Coffele