Luigi Pira

Ai piedi del Castello di Serralunga d’Alba, l'arte di fare vino e Barolo

Ai piedi dell’imponente castello di Serralunga d’Alba, nel cuore del borgo, la famiglia Pira vive e coltiva le sue terre dalla fine dell’Ottocento. L’avventura vitivinicola dei Pira comincia negli anni ’50, quando Luigi converte tutte le terre a vigneto e comincia a vendere uva e vino sfuso alle grandi cantine dell’Albese; con l’entrata in cantina dei figli Gianpaolo, Romolo e Claudio il nome di Luigi Pira comincia ad essere associato ad una produzione personale di massimo livello e dall’identità ben definita.

I vigneti della famiglia Pira consistono in 12 ettari di qualità, tra cui la metà suddivisi in 3 importanti cru del Barolo (Vigna Marenca; Vigna Margheria; Vigna Rionda). I restanti 6 ettari di vigneto sono dedicati alla produzione di Barbera, di Dolcetto e di Nebbiolo. Si estendono sul versante ovest di Serralunga, sulle colline che guardano il paese di Monforte.

Da oltre vent’anni i fratelli Pira sfornano vini austeri e di grande carattere, molto longevi. L’attento lavoro manuale in vigna e le pratiche virtuose in una grande cantina restaurata e modernizzata permettono di produrre grandi vini rossi. Il re di questa produzione è senza dubbio il Barolo, considerato da Luigi Pira come un dono prezioso della terra, da raccogliere e preparare al meglio, nel nome della qualità.

Informazioni

Regione
Vini principali
Barolo, Nebbiolo, Barbera
Anno fondazione
1950
Ettari vitati
13
Produzione annua
60.000 bt
Enologo
Gianpaolo pira
Indirizzo
Via XX Settembre 9 - 12050 Serralunga d'Alba (CN)

"Le interpretazioni di Barolo della famiglia Pira sono tra le più affascinanti del territorio, per il loro equilibrio, sia progettuale che organolettico, e per la loro tipicità"

Guida Bibenda-AIS 2015
I vini di Luigi Pira