Marco Tinessa

Dal cuore dell’Irpinia alla metropoli di Milano: il vino viaggiatore

Marco Tinessa nasce nel 1975 a Montesarchio del Sannio, in provincia di Benevento, e dopo il liceo si trasferisce a Milano per studiare economia all’università Bocconi. Oggi all’età di oltre 40 anni, dopo la laurea e diverse esperienze nel settore, lavora come broker finanziario, felice e soddisfatto, e adora gestire numeri, i grossi fondi d’investimento inglesi e tutto ciò che concerne il mondo della finanza. In realtà dietro tutto questo si cela una lunga e ardente passione, quella del mondo del vino, che Marco inizia a coltivare all’età di 18 anni. I viaggi in giro per l’Italia e per l’Europa lo portano a conoscere molti produttori, da cui impara le tecniche della vinificazione e l’arte della viticoltura. Si innamora dei vini della Borgogna e delle Langhe e rimane fulminato dagli insegnamenti di alcuni grandi produttori, come Elena Pantaleoni, Frank Cornelissen, Bartolo Mascarello e altri, che considera i suoi guru. Forte di tutto questo bagaglio enologico, decide di cimentarsi nella produzione del suo vino.

Così Marco Tinessa individua 1,5 ettari a 400 metri di altitudine nel cuore di Montemarano, tra le aree più vocate della denominazione Taurasi, e decide di acquistarli, impostando un nuovo lavoro in vigna con trattamenti minimi di rame e zolfo, rese basse e tanto amore. Vola avanti a indietro tra Milano e Montemarano, seguendo in prima persona le fasi più delicate, come potatura e vendemmia, e per il resto si affida ad un gruppo di esperti contadini locali. Instaura un grande rapporto di amicizia con Frank Cornelissen, un istrionico artigiano dell’Etna, che per i primi 10 anni lo aiuta, gli insegna come utilizzare le anfore e gli vinifica le uve. Nel 2007 esce la prima etichetta che porta il nome di “Ognostro”, in dialetto campano “Inchiostro”, prodotto da sole uve Aglianico fermentate spontaneamente, che con la sua finezza, profondità e il suo intenso colore colpisce e scolpisce, proprio come l’inchiostro, un ricordo indelebile.

Marco, dopo l’aiuto di Frank, decide di lavorare per un anno a Monforte d'Alba alla corte del grande maestro Mario Fontana, produttore di eleganti Barolo, da cui apprende tutti i segreti per poter domare la potenza, l'acidità e il tannino irruento di una grande uva, il Nebbiolo. In seguito a questa esperienza decide che è giunta l'ora per poter lavorare da solo e adibisce in periferia di Milano un piccolo locale di vinificazione. Le uve, una volta vendemmiate, vengono portate il giorno stesso a Milano con un camion per essere selezionate e vinificate direttamente da Marco. I vini di Marco Tinessa sono carichi di profumi e sapori che ricordano la terra di origine, nascono in Campania e crescono a Milano, proprio come lui, rivelando tutta la loro classe e il duro lavoro artigianale. Affianco all’Aglianico, si produce anche un elegante Fiano e il “Last Trip to Sicliy” dedicato al suo ultimo capitolo di storia in Sicilia e alla nuova avventura a Milano. Insomma Marco ha vinto la sua scommessa e il suo vino ha l’anima campana e lo spirito milanese.

Informazioni

Regione
Anno fondazione
2007
Ettari vitati
3
Uve di proprietà
100%
Enologo
Marco Tinessa
Indirizzo
Az. Agr. Tinessa, Via Lorenteggio, 269 - 20152, Milano
I vini di Marco Tinessa