Riecine

La materia del Chianti Classico: la magia di rossi importanti e indimenticabili

Estesa sugli scenografici rilievi collinari di Gaiole, la cantina Riecine ha dimostrato, in più di 40 anni di attività, di essere una delle migliori realtà produttive del Chianti Classico, firmando vini che, senza esagerazioni, possono considerarsi tra i più completi e longevi di tutta la denominazione. L'azienda venne fondata nel 1971 da un signore inglese di nome John Dunkley a partire da poco più di un ettaro di terra acquistato dall'antica Badia a Coltibuono. Le prime bottiglie uscirono nel 1973 e vennero subito accolte con successo, tanto che ancora oggi John e sua moglie Palmira sono considerati tra i più grandi e acuti interpreti del Chianti.

Il recente riassetto societario, dovuto a ingenti investimenti stranieri, non ha assolutamente scalfito il processo virtuoso e oggi, sotto la guida di Sean O' Callaghan, Riecine è una delle punte di diamante di tutto l'areale. La proprietà si estende su 35 ettari di terreno di cui i 15 vitati; le vigne si suddividono in diversi poderi, tra cui: Casina, caratterizzato dalla presenza di sabbie pesanti; Vertine, dal terreno sassoso e calcareo; Riecine, podere storico dove trovano posto le vigne più vecchie, risalenti al 1968, e contraddistinto dalla presenza di argilla e galestro. Tutte le diverse caratteristiche dei poderi e la particolarità di ogni vigneto sono valorizzate da Sean grazie a fermentazioni e affinamenti separati vigna per vigna.

Coinvolta in un ingente lavoro di ampliamento, la cantina è il fiore all'occhiello di tutto il territorio: una struttura grande e nuovissima, dotata delle migliori tecnologie, dei laboratori, degli spazi dedicati all'accoglienza e alla degustazione. Qui si svolge l'intero processo di produzione, dalla pigiatura dell'uva coi piedi in piccoli contenitori (come si faceva un tempo) all'imbottigliamento. La fermentazione, rigorosamente naturale e quindi lenta, avviene in vasche in cemento o di acciaio a temperatura controllata; si procede quindi con il salasso del 15-20 % del mosto per aumentare la concentrazione degli aromi e poi con la macerazione a freddo del mosto. Per diversi giorni le uve vengono ossigenate tramite pompaggio e délestage, per confluire poi nelle botti. In base all'annata o alla provenienza dell'uva i vini possono maturare in barrique, tonneau, acciaio o nei tini, per tempi che possono variare dai 12 mesi ai 2 anni (a seconda dell'etichetta e della denominazione).

Dall'accurato e tradizionale sistema produttivo, sorvegliato passo dopo passo da Sean, nascono tra le più belle espressioni chiantigiane del Sangiovese. Si tratta di rossi intensi e scuri, corposi e materici, con aromi complessi ma gestiti in maniera impeccabile, senza sbavature. Da anni ai vertici dell'intera produzione di Chianti, le bottiglie di Riecine sono prodotti unici e di altissimo valore, capaci di regalare emozioni e sapori indimenticabili.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Chianti
Anno di fondazione
1968
Ettari vitati
15
Uve di proprietà
90%
Produzione annua
60.000 bt
Indirizzo
Loc. Riecine - 53013 Gaiole in Chianti (SI)

 

 

"L'impostazione produttiva naturale e poco invasiva è accompagnata da una grammatica enologica di grande pulizia e precisione"

Guida Slowine 2015
I vini di Riecine