La Chimera

Viticoltura eroica in Val di Susa

La Chimera è una cantina che si trova nei pressi di Chiomonte, in Val di Susa, una lunga e profonda vallata alpina che occupa la zona occidentale del Piemonte, verso il confine francese. Si tratta di una realtà artigianale di piccole dimensioni, che è nata con l’intento di recuperare le antiche tradizioni locali e di valorizzare il territorio e i suoi vitigni autoctoni. È una rarità per appassionati e intenditori alla ricerca di bottiglie insolite, capaci di svelare il volto autentico e antico di una terra da scoprire. La Val di Susa è un’area di viticoltura eroica, che nel corso del tempo e con il progressivo processo d’industrializzazione del secondo dopoguerra, in particolare della città di Torino, è stata abbandonata in favore di occupazioni in fabbriche, che garantivano un guadagno più sicuro e un lavoro meno faticoso.

Il progetto è nato per iniziativa di Stefano Turbil, che nel 2005 ha deciso di intraprendere questa nuova avventura, prendendo in affitto qualche piccolo appezzamento e cominciando a dedicarsi alla viticoltura. Per le vinificazioni, all’inizio Stefano si è appoggiato alla cantina di un altro produttore locale, poi nel 2011 ha deciso di creare una sua cantina indipendente. Un passo importante, che ha consentito di lavorare in prima persona le sue uve, secondo una filosofia orientata al minor intervento, per lasciar esprimere in modo diretto i vitigni e il terroir. Oggi la tenuta può contare su circa tre ettari di vigneti, composti da diverse piccole parcelle, collocate a un’altitudine di circa 700 metri sul livello del mare. Le vigne sono coltivate su terrazzamenti sostenuti da muretti a secco, che salgono lungo i versanti della montagna.

Il microclima è particolarmente fresco, con una costante ventilazione e con forti sbalzi termici tra il giorno e la notte. I terreni sono piuttosto poveri, pietrosi, e ospitano vitigni autoctoni da secoli presenti in Val di Susa, che hanno trovato una perfetta interazione con l’ambiente montano: l’Avanà e il Becuet. Si tratta di vecchie vigne di oltre 80 anni, che sono state pazientemente recuperate e che producono poca uva per pianta. Tutte le lavorazioni in campagna, fino alla vendemmia, sono svolte manualmente. Tra i filari non si pratica il diserbo e per i trattamenti si utilizzano solo zolfo e rame, come da protocollo dell’agricoltura biologica. I vini sono realizzati con cura e passione. È una piccola produzione che consente di apprezzare della varietà ormai dimenticate, ma capaci di restituirci il gusto autentico del territorio alpino.

Note aggiuntive

Regione
Anno fondazione
2005
Indirizzo
Via Costonet, 8 - 10050 - Chiomonte (TO)
I vini della cantina La Chimera