Punta Aria - Pinnata di Pollastri

Vini che racchiudono la magia, il calore, i profumi delle Isole Eolie

Punta Aria è un sogno che si è avverato. Un progetto nato dal desiderio di Francangelo Pollastri di creare un luogo sospeso nel tempo, una sorta di piccola oasi o di buen retiro dove poter dar vita alle sue passioni. Tutto nasce quando nei primi anni 2000 Pollastri decide di creare una un agriturismo con una vigna sull’isola di Vulcano, nell’arcipelago siciliano delle Eolie. Il luogo scelto è Punta Bandiera, all’estremità sud orientale dell’isola. Una piccola spiaggia di sabbia nera, e qualche rudere, accendono subito la sua fantasia e la voglia di trasformare quel luogo abbandonato e invaso dalle sterpaglie della macchia mediterranea in un piccolo gioiello.

Nasce così la cantina Punta Aria. Eliminate le sterpaglie, riportata in luce la bellezza originaria di una piccola insenatura già famosa in epoca romana, è tornata a splendere la spiaggia del Canitello e poco distante la vigna di Malvasia delle Lipari. Il clima mediterraneo, caldo e ventoso, è mitigato dalla presenza del mare. I terreni d’origine vulcanica sono prevalentemente composti da sabbie e rocce laviche, ricche di sostanze minerali. In questa perfetta cornice ambientale, la Malvasia ha trovato da millenni un habitat perfetto per esprimere grandi vini. L’antico vitigno d’origine greca, che prende il nome dal porto del Peloponneso Monemvasia, è arrivato alle Eolie in epoca antichissima, forse con i primi navigatori micenei o con la successiva colonizzazione greca del V-IV secolo a.C. Da allora è sempre stato il simbolo della viticoltura dell’arcipelago siciliano, fino a produrre uno dei vini passiti più interessanti di tutto il Mediterraneo, un vero nettare prelibato e amato da tutti gli appassionati.

La Malvasia è un vitigno di grande ricchezza aromatica, che arriva a piena maturità con un grado zuccherino elevato. Queste sue particolari caratteristiche, ne hanno sempre fatto un’uva molto adatta alla produzione di vini dolci. Al termine della vendemmia, i grappoli dorati di Malvasia sono fatti appassire in modo naturale al sole e al vento dell’isola di Vulcano. Durante il periodo d’appassimento, gli acini si disidratano lentamente, concentrando gli zuccheri e gli aromi. Le uve appassite sono fatte fermentare molto lentamente. Al termine del processo resta un naturale residuo zuccherino, che rende il vino particolarmente soave e suadente. La Malvasia Passita è un oro liquido di grande fascino, prodotta in modo assolutamente naturale, senza aggiunta di alcol. È un vino antico, che conquista per i suoi intensi e ricchi profumi, per il suo sorso morbido e dolce, per la sua complessità e persistenza.

Informazioni

Regione
Anno fondazione
2000
Ettari vitati
5
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
8.600 bt
Indirizzo
Agriturismo Punta Aria, Isola Vulcano 98055 Lipari (ME)
I vini di Punta Aria - Pinnata di Pollastri