Consegna gratuita oltre i 59,90€
Consegna in Italia in 1 - 3 giorni lavorativi | gratuita oltre i 59,90€ | Callmewine è ora Carbon Neutral!
Champagne Pas Dosé Royale Réserve Philipponnat
92 -@@-9-James Suckling
91 -@@-7-Robert Parker

Champagne Pas Dosé Royale Réserve Philipponnat

Philipponnat

Lo Champagne Pas Dosé di Philipponnat si apre con un bouquet di tiglio e biancospino, con un finale che rimanda al pane caldo e alla mela. Il sorso è di media intensità e struttura, verticale e asciutto, di bella freschezza e persistenza. Affina almeno 36 mesi sui lieviti, dopo una parte di vinificazione con metodo solera

48,00 

Caratteristiche

Denominazione

Champagne AOC

Vitigni

Pinot Nero 65%, Chardonnay 30%, Pinot Meunier 5%

Tipologia

Gradazione alcolica

12 %

Formato

Bottiglia 75 cl

Vinificazione

Fermentazione malolattica parziale e invecchiamento dei vini di riserva in botti. Nessun dosaggio. 20-30% di vini di riserva gestiti in solera

Affinamento

Almeno 36 mesi sui lieviti

Note addizionali

Contiene solfiti

DESCRIZIONE DEL CHAMPAGNE PAS DOSÉ ROYALE RÉSERVE PHILIPPONNAT

Lo Champagne Pas Dosé Royale Réserve di Philipponnat rappresenta, nel segno della purezza, lo stile della storica Maison di Mareuil-sur-Ay, fondata nel lontano 1522.  Le etichette della linea Royale Réserve sono ispirate alla tradizione di quest’antico marchio, che forniva vini alla casa reale di Francia già ai tempi di Luigi XIV. Si tratta di una Cuvée Prestige, realizzata con una selezione di uve di alta qualità provenienti dai vigneti classificati come Premier o Grand Cru. La composizione dell’assemblaggio prevede una percentuale maggioritaria di Pinot Noir, integrata da Chardonnay e da un piccolo saldo di Meunier.  È uno Champagne elegante e intenso, che grazie a un lungo affinamento sui lieviti e a un utilizzo di vini di riserva, offre un bouquet maturo e complesso, sostenuto dalla tipica freschezza minerale di un grande terroir.

Il Pas Dosé Royale Réserve nasce in una Maison che ha saputo conservare nei secoli l’antico savoir-faire artigianale dell’arte dello Champagne. Philipponnat gestisce uno splendido domaine di una ventina di ettari, con vigneti coltivati nei territori comunali dei village di Mareuil-sur-Ay, Ay, Mutigny e Avenay. È una cuvée dal volto classico, realizzata con le migliori parcelle Premier Cru e Grand Cru della Maison. Le uve delle singole vigne sono pressate in modo molto delicato e vinificate separatamente in serbatoi d’acciaio inox. Dopo alcuni mesi d’affinamento, i vins clairs del millesimo svolgono parzialmente la malolattica e sono assemblati con una percentuale del 20-30% di vini di riserva, invecchiati in botti di legno con il metodo solera, in modo da donare allo Champagne una maggiore maturità e complessità espressiva. La seconda fermentazione si svolge in bottiglia secondo il Metodo Champenoise, con un periodo sur lattes di almeno 36 mesi prima del dégorgment

Il Royale Réserve Pas Dosé è uno Champagne dedicato agli amanti di bottiglie dal carattere puro ed essenziale, che consentono di apprezzare la straordinaria qualità e maturità delle uve. È l’etichetta perfetta da degustare come aperitivo, con dei frutti di mare o per accompagnare antipasti o un piatto di sushi e sashimi. Nel calice si presenta di colore giallo chiaro luminoso con leggeri riflessi dorati che ne illuminano la veste. Il perlage è delicato, di grande finezza e persistenza. All’olfatto esprime un bouquet raffinato ed elegante, con profumi di scorza di lime, fragranze agrumate, profumi di fiori di biancospino, di zagara, aromi di frutta a polpa bianca, di mela verde, sensazioni di crosta di pane appena sfornato. Il sorso è teso e verticale, con un’intensa profondità gustativa, che si distende armoniosa con cesellate sfumature di notevole ricchezza e persistenza aromatica. Il finale è limpido e secco, con una chiusura su note sapide e di vibrante freschezza.

Colore

Giallo dorato pallido con perlage fine e persistente

Gusto

Di media intensità e struttura, dal sorso verticale e secco, con una bella freschezza e persistenza

Profumo

Note di tiglio e biancospino, con un finale che rimanda al pane caldo e alla mela