Consegna gratuita oltre i 59,90€
Consegna in Italia in 1 - 3 giorni lavorativi | gratuita oltre i 59,90€ | Callmewine è ora Carbon Neutral!

Vini della Basilicata

La Basilicata è una piccola regione del nostro Sud che custodisce all’interno del suo territorio un vero e proprio tesoro enologico. I vini della Basilicata provengono fondamentalmente da quattro zone della regione, che rappresentano anche le quattro aree delimitate dalle Denominazioni d’Origine Controllata presenti sul territorio: Roccanova, Matera, Terre dell’Alta Val Agri e il Vulture. Le prime tre sono le meno conosciute, mentre la zona del Vulture, non solo è la più famosa e prestigiosa, ma è anche la culla di uno dei rossi più interessanti e longevi del nostro sud: l’Aglianico del Vulture. Nonostante una buona base ampelografica, i vini più importanti della regione non sono molti. Tra i bianchi spiccano quelli prodotti con la Malvasia bianca della Basilicata e tra i rossi un posto di primo piano è riservato al vino Primitivo. Tuttavia il vero re dell’enologia regionale è l’Aglianico, vera eccellenza del territorio, che rientra di diritto nella ristretta cerchia dei grandi rossi italiani.

29 Risultati
2 -@@-1-Gambero Rosso
90 -@@-9-James Suckling
90 -@@-8-Wine Spectator
3 -@@-2-Vitae AIS
10,60 
4 -@@-3-Bibenda
3 -@@-2-Vitae AIS
90 -@@-5-Veronelli
3 -@@-1-Gambero Rosso
17,90 
2 -@@-1-Gambero Rosso
4 -@@-3-Bibenda
93 -@@-11-Luca Maroni
1 -@@-6-Slowine
12,00 
4 -@@-3-Bibenda
2 -@@-1-Gambero Rosso
3 -@@-2-Vitae AIS
2 -@@-6-Slowine
16,30 
4 -@@-3-Bibenda
1 -@@-6-Slowine
3 -@@-2-Vitae AIS
11,20 
88 -@@-7-Robert Parker
2 -@@-1-Gambero Rosso
12,50 
4 -@@-3-Bibenda
2 -@@-1-Gambero Rosso
3 -@@-2-Vitae AIS
90 -@@-9-James Suckling
10,50 
2 -@@-1-Gambero Rosso
4 -@@-3-Bibenda
3 -@@-2-Vitae AIS
11,80 
4 -@@-3-Bibenda
2 -@@-1-Gambero Rosso
3 -@@-2-Vitae AIS
11,50 
2 -@@-1-Gambero Rosso
5 -@@-3-Bibenda
94 -@@-5-Veronelli
4 -@@-2-Vitae AIS
33,50 
3 -@@-2-Vitae AIS
2 -@@-1-Gambero Rosso
19,40 
93 -@@-5-Veronelli
2 -@@-1-Gambero Rosso
5 -@@-3-Bibenda
96 -@@-11-Luca Maroni
36,50 
5 -@@-3-Bibenda
3 -@@-1-Gambero Rosso
90 -@@-8-Wine Spectator
94 -@@-5-Veronelli
30,70 
3 -@@-1-Gambero Rosso
4 -@@-2-Vitae AIS
4 -@@-3-Bibenda
23,90 € 21,50 
Promo
5 -@@-3-Bibenda
4 -@@-2-Vitae AIS
29,50 
4 -@@-2-Vitae AIS
3 -@@-1-Gambero Rosso
27,80 
4 -@@-3-Bibenda
4 -@@-2-Vitae AIS
2 -@@-1-Gambero Rosso
25,00 
26,50 
72,00 € 63,00 
Promo
2 -@@-1-Gambero Rosso
10,90 
4 -@@-3-Bibenda
94 -@@-11-Luca Maroni
2 -@@-1-Gambero Rosso
88 -@@-5-Veronelli
12,50 
93 -@@-8-Wine Spectator
2 -@@-1-Gambero Rosso
5 -@@-3-Bibenda
92 -@@-9-James Suckling
37,00 
2 -@@-1-Gambero Rosso
3 -@@-2-Vitae AIS
16,30 
4 -@@-3-Bibenda
90 -@@-5-Veronelli
96 -@@-11-Luca Maroni
3 -@@-2-Vitae AIS
12,70 
4 -@@-2-Vitae AIS
91 -@@-7-Robert Parker
5 -@@-3-Bibenda
92 -@@-9-James Suckling
23,50 
2 -@@-1-Gambero Rosso
91 -@@-11-Luca Maroni
52,50 
Pagina Precedente
Pagina successiva

La Basilicata è una piccola regione del nostro Sud che custodisce all’interno del suo territorio un vero e proprio tesoro enologico. I vini della Basilicata provengono fondamentalmente da quattro zone della regione, che rappresentano anche le quattro aree delimitate dalle Denominazioni d’Origine Controllata presenti sul territorio: Roccanova, Matera, Terre dell’Alta Val Agri e il Vulture. Le prime tre sono le meno conosciute, mentre la zona del Vulture, non solo è la più famosa e prestigiosa, ma è anche la culla di uno dei rossi più interessanti e longevi del nostro sud: l’Aglianico del Vulture. Nonostante una buona base ampelografica, i vini più importanti della regione non sono molti. Tra i bianchi spiccano quelli prodotti con la Malvasia bianca della Basilicata e tra i rossi un posto di primo piano è riservato al vino Primitivo. Tuttavia il vero re dell’enologia regionale è l’Aglianico, vera eccellenza del territorio, che rientra di diritto nella ristretta cerchia dei grandi rossi italiani.

Storia, territorio e clima

I vini Lucani possono vantare origini antichissime. Già attorno al XI secolo a.C la regione che occupava le terre dell’odierna Basilicata, parte della Calabria e parte della Campania, era conosciuta con il nome di Enotria. Molto probabilmente furono proprio gli abitanti dell’Enotria a cominciare il lungo processo di domesticazione della vite e a dar vita alle prime forme di viticoltura arcaica. La successiva colonizzazione greca, iniziata verso VIII secolo a.C., portò in queste terre la cultura ellenica della coltivazione ad alberello della vite, le tecniche di potatura e le più avanzate pratiche di vinificazione. La tradizione della viticoltura continuò il suo sviluppo sotto la dominazione romana, all’interno di un contesto culturale e sociale in cui il vino rivestiva un ruolo di grande importanza. Nel corso dei secoli successivi, le consuetudini della coltivazione della vite sono state tramandate di generazione in generazione fino ai giorni nostri. Oggi sono circa 5.000 gli ettari vitati in regione e rappresentano una delle eccellenze del panorama agricolo della Basilicata. Da un punto di vista climatico, questa costituisce un territorio con caratteristiche uniche e particolari per una regione del Sud. Se nel breve tratto di costa ionica prevale un clima tipicamente mediterraneo, nelle zone più interne, dove viene coltivata la vite, il clima è continentale, con inverni freddi ed estati temperate. Proprio queste particolari caratteristiche, ne fanno una terra d’elezione per molte varietà d’uva che prediligono climi freschi e buone escursioni termiche tra il giorno e la notte.

Il Vulture

La parte nord della regione, al confine con la Puglia e la Campania, è occupata dalla presenza del massiccio del Monte Vulture, che con la sua vetta supera i 1300 metri d’altitudine. Si tratta di un imponente rilievo creato da un antichissimo vulcano, ormai inattivo da millenni, che comprende il territorio di molti comuni famosi da sempre per gli ottimi vini, tra cui: Rionero, Barile, Rapolla, Ripacandida, Ginestra, Maschito, Forenza, Acerenza, Melfi, Atella, Venosa, Lavello, Palazzo San Gervasio, Banzi, Genzano di Lucania e Montemilone. Il territorio occupato dal cono vulcanico omonimo è attraversato da profonde valli che ne tagliano il profilo austero e ingentilito dalla presenza alle dei due laghi vulcanici di Monticchio. Le vigne sono generalmente coltivate a un’altitudine compresa tra i 200 e i 600 metri sul livello del mare, ma non mancano impianti che salgono fino a 800 metri e oltre. Si tratta di una vera e propria viticoltura di montagna, che richiede spesso lavorazioni manuali non meccanizzabili. I terreni sono prevalentemente costituiti dal disfacimento di rocce d’antica matrice lavica, molto drenanti, pietrosi e ricchi di minerali particolarmente utili al sostentamento della vite. Il clima, molto fresco e ventilato, si è rivelato adatto a una varietà tardiva come l’Aglianico, che matura lentamente accumulando aromi eleganti, intensi e ricchi. Le origini di quest’antica uva a bacca rossa del nostro mezzogiorno continuano a rimanere avvolte nel mistero. Ancora oggi non sappiamo con certezza se si tratti di una varietà autoctona del sud Italia domesticata in epoche remote o se sia stata portata nelle terre della Magna Grecia durante la colonizzazione ellenica.

L’Aglianico del Vulture: un grande vino lucano

Oggi i vini della Basilicata godono finalmente di una giusta fama e stanno riscuotendo un grande successo tra gli appassionati, soprattutto grazie all’Aglianico, ormai considerato dagli esperti tra i migliori rossi della nostra penisola. Amante dei terreni di natura vulcanica e del clima continentale, questa varietà si esprime sui massimi livelli qualitativi in due territori d’elezione: a Taurasi in Irpinia e alle pendici del vulcano del Vulture. Si tratta di un vitigno che produce uve di alto pregio, che consentono di realizzare rossi dal profilo elegante, dagli aromi intensi, caratterizzati dalla presenza di una trama tannica fitta e di una notevole freschezza. Proprio queste caratteristiche, ne fanno un rosso strutturato e potente, che ha bisogno di un lungo periodo d’affinamento, preferibilmente in legno, per poter raggiungere la piena maturità ed esprimere tutto il suo potenziale. Insieme al Barolo, al Taurasi e al Brunello di Montalcino questo vino lucano rappresenta uno dei rossi italiani, che possiede la maggior capacità d’invecchiare, arricchendo il suo spetto aromatico con raffinate note terziarie. Tra i produttori più famosi di questo territorio ricordiamo: la cantina Paternoster, le Cantine del Notaio, Elena Fucci, Basilisco, Michele Laluce, Musto Carmelitano, Ripanero, Grifalco della Lucania, Terre degli Svevi, Camerlengo e Tenuta i Gelsi.

Stai cercando i migliori vini Basilicata in vendita online? Scopri su Callmewine l’ampia selezione e scegli il vino più adatto, lasciandoti guidare dalle schede realizzate dai nostri sommelier.