Castel del Lupo

Un gioiello della viticoltura nell'Oltrepò Pavese

Quella di Castel del Lupo è un'antica cantina dell’Oltrepò Pavese, zona particolarmente vocata per la viticoltura. La sua esistenza è documentata nella cartografia storica già nel 1301, ma la cantina viene fatta risalire addirittura all’epoca romana, come testimonia il toponimo “vicus luporum” ricorrente nei documenti di epoca antica. Nel 1974 la cantina è stata acquistata da Giovanni Doglio, che vanta un’esperienza di più di 40 anni nel settore vitivinicolo. Con Giovanni lavorano due enologi di grande spessore, Alberto Marini e Daniele Zangelmi, il giovane cantiniere Paolo Ceserini e Nicola Olareanu, responsabile della conduzione del vigneto.

 

A 300 metri slm su un terreno marnoso calcareo si sviluppano 100 ettari di vigneto. La cantina Castel del Lupo ha deciso di adottare il regime biologico, convinta che la qualità del vino prodotto non possa prescindere dal rispetto dell’ambiente. Ne consegue anche una cura meticolosa durante tutte le fasi di vinificazione e affinamento. Le uve in cantina subiscono una pressatura soffice e una fermentazione lenta a temperatura controllata, mentre l’utilizzo dei solfiti è drasticamente ridotto. In questo modo Castel del Lupo è in grado di portare alla luce vini eccellenti, con una forte identità territoriale e ricchi di profumi.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Moscato, Bonarda, Pinot Nero
Anno di fondazione
1974
Ettari vitati
100
Uve di proprietà
100%
Enologo
Alberto Marini e Daniele Zangelmi
Indirizzo
Strada Vicinale del Vermietto - 27040 Calvignano (PV)
I vini di Castel del Lupo