Poliziano

Una cantina diventata simbolo del Nobile di Montepulciano

La storia della cantina Poliziano inizia nel 1961, quando Dino Carletti acquista 22 ettari nel comune di Montepulciano e si pone l'ambizioso obiettivo di produrre vino di qualità. I primi anni procedono a corrente alternata, nonostante la sconfinata passione e alcuni segnali incoraggianti.

Un momento importante nella storia di Poliziano è rappresentato dalla fine degli anni '80, quando Federico, figlio di Dino, assume il comando della cantina, proponendo una filosofia di produzione innovativa e moderna. L'aiuto di Carlo Ferrini e di Maurizio Castelli si rivelano fondamentali in questa trasformazione e permettono alla cantina Poliziano di raggiungere ben presto grandi risultati.

Il coraggio e la creatività di Federico Carletti hanno permesso a Poliziano di divenire oggi uno dei nomi più apprezzati della Toscana, con bottiglie di assoluto valore premiate da numerosi riconoscimenti. L'Asinone è il nome più rappresentativa di tutta la produzione, ma si inserisce in un pregevole ventaglio di bottiglie che elevano ancor di più la zona di Montepulciano a culla del vino, una culla che deve molto proprio al nome Poliziano.

Informazioni

Regione
Vini principali
Nobile di Montepulciano, Tagli Bordolesi
Anno fondazione
1961
Ettari vitati
165
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
80.000 bt
Enologo
Carlo Ferrini, Fabio Marchi
Indirizzo
Via Fontago, 1 - 53045 Montepulciano (SI)
I vini di Poliziano