Angelo D'Uva

L'eredità del tempo, la pazienza e l'amore per la terra molisana

Angelo D’Uva ha ereditato la propria cantina dall’omonimo nonno che, negli anni ’40, decise di dare voce alla propria passione per la terra. Uomo di altri tempi il signor Angelo, che andava in vigna col gilet, il cappello a falde larghe e gli occhiali da sole, che odorava il profumo di terra e viveva con lo sguardo sempre puntato alle bacche lucenti che crescevano tra le fronde. Il lavoro più faticoso ed al contempo più nobile che esista, che permette di scavare dentro l’io personale al medesimo modo in cui si fa con la terra, per scoprire sempre qualcosa di nuovo, un frutto dolce, delicato e piacevole.  La seconda generazione si è occupata di ampliare i terreni, lavorandovi con costanza e passione per donarla al nuovo Angelo, che la ama come fosse una dei suoi tre figli, applicandosi parallelamente con esperienza contadina e conoscenza tecnologica.

La cantina Angelo Uva vanta una distesa di 15 ettari di vigneti tutt’ora in espansione, coltivati a Trebbiano, Malviasia, Chadonnay, Montepulciano e Tintilla, varietà di vitigno autoctono dalle origini sconosciute, che è stato reimpiantato tra queste pendici collinari con l’obiettivo di essere riscoperta, rispettata e valorizzata all’interno del panorama molisano. Tutte le varietà vengono allevate a guyot con una densità piuttosto alta, a garanzia di alta qualità dei frutti. Le operazioni sono rivolte al mantenimento del naturale equilibrio vegetativo dell’ambiente. I suoli argilloso calcarei ospitano viti vendemmiate manualmente, che svolgono la fermentazione alcolica in vasche di acciaio inossidabile, mantenendo freschi i sentori caratteristici, spesso con risvolti minerali, tipici di questa regione vinicola.

Angelo D’uva con il grande amore per i cavalli, per i suoi figli e per il suo vino, sa di vivere in un ambiente che offre grandi opportunità di confronto costante, con una continua crescita professionale e personale. È un uomo coi piedi saldamente ancorati a terra, come lo era suo nonno, un uomo che crede fortemente nel legame col territorio e non agli eccessi di protagonismo, convinto che l’opera della terra rimanga nel tempo, indipendentemente dall’interprete. Un vignaiolo dai grandi valori, che ha saputo prendere un’eredità pesante e farla sua, per sempre.

Informazioni

Regione
Vini principali
Tintilia
Anno fondazione
2001
Ettari vitati
20
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
70.000 bt
Enologo
Donato di Tommaso
Indirizzo
Contrada Monte Altino, 23 - 86035 Larino CB
I vini della cantina Angelo D'Uva