Castello di Sonnino

Territorialità e internazionalità nella Toscana di Montespertoli

Castello di Sonnino crea le sue piccole opere d’arte enologica nel cuore della Toscana, a Montespertoli, in quella che è la DOCG più piccola del Chianti. Grandi, invece, sono le etichette che la nobile famiglia Sonnino accudisce da più di duecento anni, fondendo alla perfezione lo spirito di ricerca con la tradizione territoriale. La profonda conoscenza della terra e la massima professionalità rappresentano due valori fondamentali per il Barone Alessandro De Renzis Sonnino, il quale, costantemente focalizzato su obiettivi di eccellenza, dal 1987 nei propri vigneti ha affiancato alle uve Sangiovese e Cannaiolo vitigni di respiro internazionale, costituendo alcuni tra i blend moderni che rappresentano una fortunata novità per la Toscana.

I terreni della cantina Castello di Sonnino, su cui sono radicati i vitigni classici per produrre Chianti insieme a Merlot, Cabernet Sauvignon, Malbec e Petit Verdot, sono costituiti maggiormente da argilla e ghiaia e riescono a svolgere la doppia funzione di ritenzione idrica e drenaggio, così da mantenere le uve ad un livello ottimale di umidità. Le uve vengono vendemmiate principalmente durante la prima settimana di ottobre, ad eccezione del Malbec, colto durante la seconda metà di settembre, e il Cabernet Sauvignon, a fine di ottobre. I periodi di affinamento possono variare sia per tempistiche che per tipologia, passando dalle più brevi maturazioni svolte in cemento a quelle, più frequentemente adottate, con 18-24 mesi in barrique di rovere francese. Questo caratterizzerà il grande spessore di alcune etichette piuttosto che la freschezza di altre.

I vini di Castello di Sonnino si distinguono per le loro numerose sfaccettature che danzano tra la freschezza morbida e fruttata del “Leone Rosso” all’austerità speziata e morbida del Chianti Riserva che viene a lungo elevato nelle botti, dalla personalità elegantemente complessa del “Cantinino” alla liquirizia e il sottobosco che si avvertono nel “San Leone”. I blend internazionali si sposano armoniosamente grazie al profondo amore per la terra e alla filosofia dei grandi Chateaux a cui il Barone anela per rendere eccezionali le proprie bottiglie, con risultati meravigliosamente riusciti ed etichette dalla profonda territorialità e innovazione.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Chianti, Merlot, Cabernet Sauvignon
Anno fondazione
1600
Ettari vitati
40
Enologo
Samuele Mammoli
Indirizzo
Via Volterrana Nord, 6/A - 50025 Montespertoli (FI)
I vini del Castello di Sonnino