Marina Palusci

L’essenza della tradizione del vino abruzzese

La cantina Palusci è una piccola realtà, che da più generazioni coltiva vigne a Pianella, nella generosa terra abruzzese. La tenuta si estende nella meravigliosa zona collinare dell’entroterra di Pescara a pochi chilometri dal litorale adriatico. L’area è da sempre molto vocata per la coltivazione della vite, che da secoli è protagonista del paesaggio agricolo della regione. Le colline abruzzesi si trovano, infatti, tra le alte vette dell’Appennino e le spiagge della costa adriatica. Questa particolare conformazione del territorio, influenza positivamente il clima, che è tipo mediterraneo, con inverni miti, estati calde, ma sempre molto ventilate per la presenza delle correnti d’aria che scendono dai monti e delle brezze marine che risalgono dalla costa verso l’interno.

I vigneti sono coltivati su terreni di medio impasto, di natura calcareo-argillosa, che si sono rivelati molto adatti, sia alle esigenze delle uve a bacca rossa, che alle varietà a bacca bianca. La presenza di buone escursioni termiche tra le temperature che si registrano di notte e di giorno, consente delle maturazioni lente delle uve, con lo sviluppo di aromi particolarmente ricchi e intensi. Il contesto ambientale incontaminato, ha spinto la cantina ad adottare scelte agronomiche in sintonia con la natura. Tra i filari sono banditi diserbanti, concimi e trattamenti chimici e sono utilizzati solo zolfo e rame, in modo da portare in cantina solo uve perfettamente sane e genuine. L’attenzione in vigna è, infatti, alla base di tutto il processo di produzione e presupposto indispensabile per realizzare grandi vini.

Da un punto di vista dei vitigni selezionati, la cantina Marina Palusci ha deciso di puntare sulle varietà storiche del territorio, che da secoli hanno dimostrato una perfetta interazione con i luoghi, in particolare: il Montepulciano d’Abruzzo, il Pecorino e la Passerina, due uve a bacca bianca recuperate e valorizzate solo negli ultimi decenni, che stanno dimostrando di possedere un notevole potenziale. Anche in cantina si predilige la semplicità, con fermentazioni spontanee realizzate con utilizzo solo di lieviti indigeni, senza aggiunta di nessun additivo e con percentuali molto basse di anidride solforosa, ben al di sotto dei limiti fissati dai disciplinari dell’agricoltura biologica.

Note aggiuntive

Regione
Anno fondazione
2009
Ettari vitati
4.5
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
50.000 bt
Indirizzo
Contrada Fonte Gallo, 2 - 65019 Pianella (PE)
I vini di Marina Palusci