Moschioni

Vini friulani di grande carattere, estremamente intensi, quasi "muscolari", dalla grande personalità

La Cantina Moschioni nasce agli inizi del novecento a Cividale del Friuli, dove la famiglia era presente fin dal 1500 e possedeva 14 ettari di terreno. Nel 1953 i Moschioni acquistano 13 ettari di terra dalla Curia, adagiati sulle colline intorno a Cividale, in posizioni particolarmente vocate per la produzione di uve da vino. Sono terreni diversi tra loro sia per composizione che per esposizione, che quindi danno origine a vini con caratteristiche diverse tra loro.

Nel 1989 Michele prende in mano le redini della cantina e decide di puntare tutto sulla produzione di vini rossi, in una zona dove vengono prodotti quasi esclusivamente vini bianchi, per un motivo ben preciso: valorizzare dei vitigni autoctoni, quasi dimenticati, quali il Pignolo, lo Scoppiettino, il Refosco ed il Tezzelenghe.

Nelle vigne viene adottata la coltura biologica e in cantina i metodi tradizionali, nessuna forzatura, tutto deve essere il più naturale possibile. Grande passione, ferrea determinazione e cura esasperata dei vari processi portano Michele a vincere la scommessa, nonostante l'iniziale perplessità di molti, i vini prodotti dalla Cantina sono strepitosi, potenti ed eleganti e conquistano in breve tempo i favori di un pubblico sempre più vasto di intenditori e riconoscimenti prestigiosi dalla critica nazionale ed estera. Oggi Michele è coadiuvato dai suoi figli, che hanno ereditato dal padre la passione non solo di far bene, ma di migliorare sempre la qualità già altissima dei loro fantastici vini.

Informazioni

Vini principali
Pignolo, Schioppettino, Refosco, blend di vitigni internazionali
Anno fondazione
1989
Ettari vitati
13
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
41.000 bt
Enologo
Michele Moschioni
Indirizzo
Via Doria, 30 - Cividale del Friuli (UD)
I vini di Moschioni