Vadiaperti

I profumi dei vini di Campania

La cantina Vadiaperti è stata una delle prime cantine che ha reso celebre la collina di Montefredane, imponendola come area di riferimento per il Fiano di Avellino. Un’avventura iniziata nella metà degli anni Ottanta, il cui testimone oggi è passato dal professor Antonio Troisi al figlio Raffaele. Un progetto quello di Vadiaperti giocato sempre sulla coerenza stilistica e senza mai seguire mode o omologazioni: sapidità, freschezza, originalità espressiva e personalità olfattiva sono le peculiarità che Vadiaperti cerca di ricreare in ogni vino. Il corpo principale, che si sviluppa attorno alla cantina, è sulla collina di Montefredane, proprio a ridosso del capoluogo provinciale.

Su di un terreno argilloso è piantato il Fiano, mentre il Greco è invece a contrada di Montefusco, a 600 metri di altitudine. Il clima mite mediterraneo, le origini vulcaniche del suolo e le sue caratteristiche tufacee rendono questo territorio altamente vocato per la viticoltura.

La passione per le vigne, l’amore per il proprio territorio e il rispetto delle tradizioni che da anni contraddistinguono la cantina di generazione in generazione hanno portato alla nascita di vini di grande spessore e personalità, la cui eleganza e finezza è perfettamente bilanciata dagli aromi e dai profumi, che sembrano proprio sprigionare l’aria di Campania. Una cantina che ormai è un simbolo di questi territori e i cui vini meritano sicuramente tutta l’attenzione che stanno ottenendo dalla critica.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Falanghina
Anno di fondazione
1984
Ettari vitati
11
Produzione annua
100.000 bt
Enologo
Raffaele Troisi
Indirizzo
Contrada Vadiaperti - Montefredane (AV)
I vini di Vadiaperti