Cantele

Negramaro e Primitivo espressione tipica del terroir salentino

La storia della cantina Cantele ha inizio negli anni Cinquanta con il nonno Giovanni, commerciante di vini salentini in Veneto, e prosegue negli anni Settanta con il trasferimento in Puglia di Domenico e Umberto e l’acquisto dei primi vigneti. Oggi la guida è affidata alla terza generazione di Cantele: Gianni, che si occupa della parte enologica, mentre Paolo, Maria Luisa e Umberto si occupano della parte commerciale.

Cantele si trova nel centro di Guagnano, nel Salento, terra di Negramaro e Primitivo, veri e propri pilastri della produzione della cantina. L’aria di mare ed i terreni calcareo-sabbiosi rendono il microclima perfetto per la crescita di queste uve. I vini più pregiati della cantina provengono da un vigneto di Negramaro allevato ad alberello con un’età di oltre 50 anni.

La cantina Cantele non si fa mancare nulla al suo interno, ospitando anche un “laboratorio sinestetico” adibito alla ricerca di nuove identità olfattive e sensoriali. Tra i suoi prodotti, particolarmente interessante l’Amativo, un blend fra Primitivo e Negramaro. Vini salentini pensati e curati nei particolari.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Negroamaro, Primitivo, Salice Salentino
Anno di fondazione
1950
Ettari vitati
200
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
1.800.000 bt
Enologo
Gianni Cantele
Indirizzo
S.P 365, km 1 - Guagnano (LE)
I vini della cantina Cantele