La Chablisienne

La lunga storia dello Chablis: un modello di cooperazione in Francia

La Chablissienne è una "cave coopérative", cioè una cantina sociale, nata nel 1923 a Chablis, nel "departement" della Yonne, a Nord della Borgogna, con l'intento di far fronte ai gravi problemi economici dei piccoli vignerons della zona. A partire dalla metà degli anni '50 la Chablisienne si è imposta non solo come centro di raccolta delle uve del territorio ma anche come importante centro di produzione, tanto da essere oggi conosciuta in tutto il mondo come un grande punto di riferimento dello Chablis.

I vini della Chablisienne sono il frutto della stretta collaborazione tra i vignaioli e i produttori di vino: uno scambio continuo e reciproco di consigli, suggerimenti al fine di migliorare sempre più sia in vigna che in fase di vinificazione . Le vigne della cooperativa coprono un'area di 4,7 mila ettari, sparsi su una ventina di comuni della AOC Chablis, sulle rive destra e sinistra del fiume Serein e producono circa 250mila bottiglie l'anno, cifra variabile in relazione all'andamento climatico dell'annata.

Il vitigno principe del territorio di Chablis è lo Chardonnay, che pare sia stato impiantato nella zona agli albori del XII secolo dai monaci dell'Abbazia cistercense di Pontigny e da allora attraverso piccoli ma continui miglioramenti in vigna e in cantina , ha raggiunto quello standard elevatissimo che ha permesso allo Chablis di essere uno dei vini bianchi più conosciuti al mondo.

Informazioni

Vini principali
Chablis
Anno fondazione
1923
Ettari vitati
1200
Produzione annua
250.000 bt
Indirizzo
8, Bouleverd Pasteur -89800 Chablis
I vini di La Chablisienne