Ulysse Collin

I grandi Champagne di Congy: la parabola di un enfant prodige

La magnifica avventura vitivinicola di Olivier Collin, uno dei piccoli vigneron dello Champagne più celebri tra gli appassionati, è strettamente legata a quella di Anselme Selosse. La famiglia Collin coltiva infatti le viti a Congy, nei pressi della Côte des Blancs, dal 1703 ma è solamente dal 2003 che Olivier, dopo aver lavorato per diversi anni per Selosse, ha inaugurato una produzione di grandi Champagne, dimostrando sin da subito di essere un vignaiolo competende e pieno di risorse.

Olivier Collin non è più considerato un astro nascente dello Champagne, ma un grande punto di riferimento: un bravo produttore dotato di tanto savoir faire e di uno stile innovativo e originale. I suoi vigneti si estendono per 8,7 ettari su un terreno argilloso ricco di sìlice, dove trovano posto anche viti molto vecchie che arrivano a superare i 60 anni di età. Solo le migliori uve sono utilizzate per produrre Champagne, le altre vengono vendute ad altre case produttrice perchè, come dichiara Olivier con grande umiltà: "non è possibile fare grandi vini da tutti i miei vigneti, quindi mi concentro solo sui migliori".

Olivier Collin crede fermamente in una filosofia produttiva che prevede il minor intervento possibile sia in vigna che in cantina, preferendo i composti organici a quelli chimici. In cantina si usano lieviti indigeni per le fermentazione, che di norma si prolungano per più di 12 mesi prima della rifermentazione in bottiglia. Ogni pratica di vinificazione è svolta manualmente e i dosaggi sono molto bassi. Questi sono gli ingredienti per produrre Champagne unici che esprimono al meglio il terroir di Congy, una volta considerato di basso valore e oggi conosciuto in tutto il mondo grazie a al lavoro di Olivier.

Informazioni

Regione:
Vini principali
Champagne
Anno di fondazione
2003
Ettari vitati
87.0
Indirizzo
Rue des Vignerons 19, 51270 Congy

 

 

"Non creo nulla, semplicemente mi limito ad accompagnare le forze della natura"

Olivier Collin
Gli champagne di Ulysse Collin