SRC

Vini autentici dell'Etna in accordo con l'antica tradizione contadina

La cantina SRC è un esempio virtuoso di produzione viticola artigianale in terra siciliana. Di recente fondazione, la cantina è nata per volontà di Rori Parasiliti e sua moglie Cinzia. Inizialmente chiamata Crasà, dal nome della contrada dell'Etna in cui ha sede, la cantina è stata ribattezzata poi SRC, acronimo dei componenti della famiglia Parasiliti.

I 12 ettari di vigneto di SRC sono impiantati sulle pendici settentrionali dell’Etna, nei comuni di Randazzo e Solicchiata, ad un’altitudine compresa tra i 600 e i 1000 metri. Come vuole l’antica tradizione contadina, oltre ai vigneti di Nerello Mascalese, Grenache, Catarratto, Coda di Volpe, Insolia e Minnella, sono coltivati ulivi e alberi da frutto. Il lavoro sia in vigna che in cantina è ridotto all’essenziale nel pieno rispetto del ciclo naturale. I terreni vulcanici e le escursioni termiche climatiche tra il giorno e la notte contribuiscono a donare ai vini di Crasà caratteristiche uniche. L’intervento umano è limitato a mettere in risalto tali caratteristiche.

La cantina Crasà ottiene i suoi vini tramite fermentazioni spontanee su lieviti indigeni, senza chiarifiche, né filtrazioni, né travasi. Dalla passione di una famiglia nascono così vini territoriali, eleganti e schietti, capaci di stupire e di fare conoscere la più autentica espressione del territorio vulcanico dell'Etna.

Informazioni

Regione
Vini principali
Etna Rosso
Anno fondazione
2013
Ettari vitati
12
Uve di proprietà
100%
Produzione annua
13.000 bt
Indirizzo
Strada Statale 120 6 - 95012 Solicchiata (CT)
I vini della cantina SRC