Consegna gratuita oltre i 59,90€
Consegna in Italia in 1 - 3 giorni lavorativi | gratuita oltre i 59,90€ | Callmewine è ora Carbon Neutral!
Marsannay Rouge 'Es Chezots' Jean Fournier 2019

Marsannay Rouge 'Es Chezots' Jean Fournier 2019

Jean Fournier

Il Marsannay Rouge "Es Chezots" della cantina Jean Fournier è un Pinot Nero le cui uve provengono da un terroir unico che si contraddistingue per il microclima fresco e ventilato, ottimale per una maturazione delle uve graduale e completa. In seguito ad una macerazione e pre-fermentazione a freddo di 6 giorni, il mosto viene fermentato grazie a lieviti indigenii ed infine affinato in botti di rovere di diverse misure per 18 mesi. Il risultato è un vino complesso e persistente con tannini fini, che esprime sentori fruttati e speziati intensi

Non disponibile

62,20 

Caratteristiche

Denominazione

Marsannay AOC

Vitigni

Pinot Nero 100%

Tipologia

Gradazione alcolica

13.5 %

Formato

Bottiglia 75 cl

Vinificazione

Macerazione e pre-fermentazione a freddo per 6 giorni. Fermentazione alcolica di18 giorni

Affinamento

18 mesi, un 50% in botti di rovere da 600 litri e 50% in botti di rovere da 228 litri

Filosofia produttiva

Artigianali, Biologici, Biodinamici

Note addizionali

Contiene solfiti , bio da agricoltura Italia o EU , Codice Operatore nr. FR-BIO-01

DESCRIZIONE DEL MARSANNAY ROUGE 'ES CHEZOTS' JEAN FOURNIER 2019

Il Domaine Jean Fournier riporta in etichetta l’etimo arcaico relativo al nome di questa parcella, “Es Chezots”: la forma più moderna con cui il vigneto viene menzionato è “Echézots”, termine di esplicita derivazione dal latino “ex casalis”, ossia “ai casali”, con cui si intendono le case coloniche agricole che esistono sul territorio fin dall’epoca medievale. Rappresenta uno dei luoghi più freschi di tutto il comune di Marsannay-la-Côte, trovandosi sulla linea di sbocco di una combe, le gole che tagliano perpendicolarmente l’altipiano delle Hautes-Côtes e riversano sul pendio sottostante i venti freddi settentrionali, quando non le pericolose grandinate. Laurent Fournier, il talentuoso e giovane conduttore del Domaine, ne ricava una interpretazione giocata sull’integrità e la succosità del frutto.

Il vigneto, attualmente una semplice denominazione village, è in fase di promozione al rango di 1er Cru da parte dell’INAO, l’ente che soprintende alle denominazioni di origini francesi.

Alcune delle viti che donano il frutto al Domaine Jean Fournier per la produzione di “Es Chezots” virano tra il vecchio e l’antico: sono infatti state impiantate, in poco meno di un ettaro, tra il 1921 e il 1945 e rappresentano un vero patrimonio per le selezioni massali della cantina. Sono piante che affondano le radici in un terreno dall’apparenza brulla e sparso di ciottoli, tra cui spiccano però in quantità i fossili marini di ostrea acuminata. La vendemmia manuale avviene alla piena maturazione delle uve e le operazioni di vinificazione seguono un percorso assolutamente tradizionale: parte dei grappoli viene lasciata intera e parte diraspata, mentre la successiva fermentazione si avvia spontaneamente, ad opera dei soli lieviti indigeni. L’affinamento ha una durata di almeno 18 mesi: per il 50% della massa si svolge in demi-muid da 600 litri, mentre per l’altra metà in piece classiche borgognone da 280 litri, per circa un quarto nuove. L’imbottigliamento avviene senza chiarifiche né filtrazioni, ma semplicemente dopo un periodo di decantazione statica a freddo.

La vista di “Es Chezots” è davvero intrigante: un colore rosso intenso e vivo, dai leggeri riflessi carminio. Il naso che questo calice offre è forse l’espressione più notevole fra le creazioni del Domaine Jean Fournier, fatta di rimandi scuri e classicheggianti: amarena matura, bacche di cassis e sfumature di radice in infusione. Una discreta ma penetrante influenza marina si può cogliere negli accenni iodati e nelle sensazioni di conchiglie. Il sorso si mostra energico, vivace, succoso: i richiami fruttati di bosco, con una certa dolcezza di fragola oltre all’acidulo della ciliegia fresca, sono ben inseriti in una trama di struttura importante ma in equilibrio con la freschezza esuberante. Il finale chiude su richiami minerali con una bella persistenza: una espressione di Marsannay piacevolmente sofisticata.

Colore

Rosso ciliegia brillante

Gusto

Medio corpo, tannini fini, persistente, complesso e concentrato

Profumo

Profumi intensi di frutta fresca come lampone fragola e ciliegia, note di spezie e cuoio