Falanghina del Sannio 'Diana' Ocone 2019

Il "Diana" di Ocone è una Falanghina del Sannio prodotta nella sottozona del Taburno a partire da vigne poste a 300 metri di altitudine. Vinificato solo in acciaio, si caratterizza per i classici profumi aggraziati di frutta tropicale, mela verde, pera e mandorle tostate, dando vita a un sorso pieno e anch'esso fruttato, sostenuto da bella freschezza

9,20 € Disponibilità immediata

Caratteristiche

Denominazione
Sannio DOC
Vitigni
Falanghina 100%
Regione
Gradazione
13.0%
Formato
Bottiglia 75 cl
Vigneti
Nel comune di Ponte, a 300 metri di altitudine su suoli argillosi con roccia tufacea
Vinificazione
Fermentazione alcolica con macerazione a freddo in tini di acciaio a temperatura controllata
Affinamento
Alcuni mesi in tini di acciaio

Premi e riconoscimenti

James Suckling
2018
91 / 100
Luca Maroni
2017
90 / 100

Per gustarlo al meglio

Temp. servizio
8°-10°C
Bicchiere
Calice apertura media
Calice apertura media

Ideale per i vini bianchi leggeri e di media struttura, che non necessitano di ossigenazione per aprirsi. L’apertura leggermente più stretta rispetto al corpo del calice favorisce la concentrazione dei profumi verso il naso, esaltando la percezione degli aromi e limitandone la dispersione

Quando bere

Quando bere

Subito Giovani

Vino perfetto da bere subito

descrizione del Diana

La Falanghina del Sannio “Diana” è un vino bianco campano giovane e versatile, frutto di una lavorazione svolta esclusivamente in acciaio, sia in fase di vinificazione che di affinamento. Questa scelta consente all’uva utilizzata, la Falanghina, di mantenere le proprie caratteristiche varietali, ben evidenti al naso e in bocca, dove frutta e freschezza sono gli elementi chiave che rimangono in mente una volta che si termina la degustazione. Un’etichetta perfetta per essere stappata adesso, così da poterne assaporare l’immensa schiettezza e briosità.

Il “Diana” è una Falanghina del Sannio che nasce da quei vigneti di proprietà della cantina Ocone situati nei pressi del comune di Ponte. Ci troviamo a circa 300 metri sul livello del mare, su un terreno argilloso, caratterizzato dalla presenza di roccia tufacea. I grappoli, dopo la vendemmia manuale, vengono diraspati, e gli acini ottenuti effettuano una macerazione a freddo, per poi fermentare in contenitori d’acciaio inox a una temperatura tenuta costantemente entro certi gradi. Si procede quindi con l’affinamento finale, in cui il vino rimane per qualche mese a stabilizzarsi in acciaio, sino a quando non viene imbottigliato e immesso in commercio.

Questa Falanghina del Sannio “Diana” Ocone si palesa alla vista con un colore giallo paglierino, attraversato da leggeri riflessi più tendenti al verdastro, visibili soprattutto nell’unghia. Il naso è dominato da note iniziali di frutta a polpa bianca, arricchiti da sfumature più floreali e lievi echi tostati. All’assaggio è di corpo leggero, con un sorso rotondo e appagante alla beva, contraddistinto da una piacevole impronta fresca. Qualità e prezzo si bilanciano magistralmente in questo bianco campano, perfetto in tavola con diversi ingredienti e preparazioni, dalla pizza alle fritture di pesce.

Colore Giallo paglierino con riflessi verdolini

Profumo Sensazioni di polpa di mela e di pera, con lampi di fiori bianchi e contorni di mandorla tostata

Gusto Pieno e asciutto, dal sorso scorrevole supportato da una bella freschezza

produttore: Ocone

Vini principali
Aglianico, Falanghina, Piedirosso, Coda di Volpe
Anno fondazione
1910
Ettari vitati
37
Produzione annua
250.000 bt
Enologo
Carmelo Ferrara
Indirizzo
OCONE VINI - Az. Agr. Monte - Via Monte, Località Madonella - 82030 Ponte (BN)

Perfetto da bere con

  • Antipasti caldi di pesce Antipasti caldi di pesce
  • Uova e torte salate Uova e torte salate
  • Formaggi freschi Formaggi freschi
  • Frittura di pesce Frittura di pesce
  • Pizza Pizza